Tutta La Vita

TUTTA LA VITA

(V.Musto)

Un uomo con sua figlia in braccio nel supermercato
Sudato per far si che non si ritrovi affamato
La fuori il mondo è marcio e questo gia lo ha constato
Ed in passato gli è costato caro fottere lo stato
Quante altre notti passano non le ha contate
i pomeriggi con sua figlia passano tra giochi e fiabe
La sua lei cucina ma a fame di soluzioni
Lo stomaco è pieno ma solo preoccupazioni
Zero occupazioni fisse e basta con sta vita
è frase che li porta solamente a discussioni e risse
Messe in mezzo le si fanno gia da un pezzo
Affanno per la libertà e già quella c’ha un prezzo
Non c’è nessun treno alla stazione
Per un uccello fuori gabbia il volo è l’unica emozione
E se spezzano le ali resta la riabilitazione
Ma finisci tra gli schiavi come tua destinazione
Lui li conosce quelli che danno lavori onesti
Signori fatti per affari grossi
E guarda come stanno messi Non chiedere permessi
Non pulisci la coscienza come i bordi di quei cessi
\\Rit
Ma lei che ne sa, per lui è solo una fica
Che legge giornali sdraiata tutta la vita
Ma lui che ne sa, per lui è più di un amica
Che lo aspetta ogni mattina sperando sia ancora in vita
x2\\

Dietro un vicolo, un po orrido ma amore vero
Intenso a fine coito stringendole il suo seno
Dal cuore messi sotto, forse presi troppo
Un colpo che si accuserà ma solo nove mesi dopo
Brilla quella stella caduta rimasta a terra
Fa mille miglia,non rifiuta è pronto a fare guerra
E’ una vacanza la galera, la fabbrica è peggiore
Bacia la sua vita è prende la calibro 9
Un ferro da impugnare solo con il corpo freddo
Quella spara odio e non conosce complimento
E lei si ostina questa notte c’ha un presentimento
Lui è da quando ci sta dentro che ogni notte ce ne ha cento

\\Rit x2
Mezzanotte fredda e carica
pronto a rendere un’altra vita invalida
Ma non dargli del matto
quella calibro pretende che si mettano solo soldi nel sacco
Sai la casa è un pacco te la fai con l’affano
Bastano due affiti in meno che ti menano allo sfratto
Click Clack ecco fatto, si va prendo fiato
Vita ho supplicato, si sa tempo sprecato
Quello che passi in ginocchio per pregare
Sopra i sassi a camminare Quanto massi da scansare
Fatti da spiegare, qua si fanno solo gare
Con chi corre contro vento ma va lento e non ci pare
Chi sta meglio non ci apre, si deve forzare
A forza di puntare il ferro poi si scopre chi scompare
Vuota la cassa compare non sto qua mica a comprare
Ho le dita sul grilletto e non mi resta che contare
Le gocce di sudore e quanti figli c’hai negli occhi che ti tremano
Ma quelli non sono soldi tranquillo non m’interessano
Dai rendi tutto facile Mentre pensa questo
che si trova faccia a faccia col fucile
Un impugnata agile
La gente attacca e si difende sopratutto quando è fragile
Dall’inizio al margine la fine di ste pagine
Bang! superficiale come immagine

\\ Ritx2